La creazione della fotocopiatrice

Non è sempre stato così facile fare delle copie. Ora possiamo semplicemente avvicinarci a una fotocopiatrice e premere il pulsante di stampa e riceveremo immediatamente copie perfettamente replicate del nostro originale. Solo quarantasette anni fa la fotocopiatrice era una penna e alcuni fogli di carta carbone. Invece di premere un pulsante dovevi scrivere e scrivere e poi scrivere ancora! Poco prima degli anni ’60 questa era una realtà e la carta carbone era un grande venditore. Chester Carlson, un avvocato specializzato in brevetti, sapeva quanto fosse doloroso continuare a riscrivere tutto a mano perché Carlson aveva l’artrite. Carlson aveva l’idea di progettare una macchina che avrebbe fatto copie automaticamente, quindi non doveva fare tutte quelle copie a mano.

Pensa a fare il tuo lavoro senza una fotocopiatrice. Probabilmente avrai difficoltà a immaginarlo. Sapevi che la maggior parte dei produttori non pensava che una fotocopiatrice sarebbe stata di grande utilità? Chester ha cercato per anni di convincere la gente a cogliere la sua visione, ma nessuno era interessato. Tra il 1939 e il 1944, Carlson ha ottenuto il pollice in giù da molte società, tra cui IBM, Kodak, General Electric e RCA.

Nel 1937 Chester inventò un processo chiamato elettrofotografia. L’hanno ribattezzata Xerografia nel 1938. Ha capito che se l’immagine di un documento originale fosse stata proiettata su una superficie fotoconduttiva, la corrente sarebbe fluita solo nelle aree in cui la luce lo illuminava. La prima copia è stata realizzata con un rivestimento di zolfo su una lastra di zinco. Prese un vetrino da microscopio e vi scrisse 10-22-38 ASTORIA con l’inchiostro. Quindi ha abbassato l’ombra per oscurare la stanza. Ha costruito una carica elettrostatica strofinando la superficie di zolfo con un fazzoletto. Quindi il vetrino è stato posizionato sulla superficie e una luce è stata illuminata su di essa per alcuni secondi. Ha poi cosparso polvere di licopodio sul rivestimento di zolfo. Soffiando delicatamente sulla superficie, la polvere sciolta è volata via e tutto ciò che era rimasto era l’iscrizione, 10-22-38 ASTORIA. 10-22-38 è la data in cui è stata fatta la prima fotocopia. Astoria era il luogo.

La nascita di Xerox L’azienda che ha deciso di dare una possibilità al sogno di Carlson è stata la Haloid Company. Haloid era un produttore di carta fotografica a New York. Indovina come si sono conosciuti? Sì, la Xerox Corporation. Nel 1960 fu prodotta la prima fotocopiatrice da ufficio. Era il modello Xerox 914. Era la prima fotocopiatrice da ufficio in grado di eseguire copie su carta comune.

Essendo un riparatore di fotocopiatrici da oltre vent’anni ho visto le buone fotocopiatrici con le cattive fotocopiatrici. Ho iniziato a lavorare con le fotocopiatrici nel 1983. Le fotocopiatrici con cui ho iniziato a lavorare erano disordinate e non sarebbero durate a lungo tra una manutenzione e l’altra. I prezzi per le macchine erano molto alti, specialmente per le fotocopiatrici di volume maggiore. C’erano alcuni modi interessanti per trasportare la carta attraverso la macchina come lo Sharp SF-740. Ha afferrato la carta con due dispositivi di presa che sono stati guidati con catene. Questa macchina ha fuso il toner sulla carta con un dispositivo di tipo tostapane.

Alcune persone potrebbero persino ricordare di dover versare il toner nella fotocopiatrice da una bottiglia. Ma le fotocopiatrici di oggi hanno un sistema di cartucce che funziona bene. Tengono la maggior parte del toner all’interno della fotocopiatrice, non sul tuo miglior paio di pantaloni o sul tuo vestito. Hanno rulli per fondere il toner sulla carta e hanno sistemi di alimentazione e trasporto della carta molto sofisticati che aiutano a ridurre i problemi di inceppamento. Le fotocopiatrici digitali sono ora sul mercato. Ora puoi non solo copiare, ma anche stampare, scansionare e persino inviare fax. Forse il cambiamento più rivoluzionario nel settore è la fotocopiatrice a colori. Le vendite di fotocopiatrici a colori sono davvero esplose. Ci sono molti prodotti nuovi ed entusiasmanti in fase di introduzione e la qualità è davvero abbastanza buona. Siamo venuti da ASTORIA ’10 -22-38 di Carlson. Non posso fare a meno di pensare a cosa ci porterà il futuro. Come sarà la fotocopiatrice dell’anno 2020?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *